JOE SANKETTI

ll jazz club, un locale fumoso, il sapore del torbato, lo scricchiolio delle sedie vintage, un salotto a luce soffusa… ecco il mondo di Joe Sanketti, alias Simone Valbusa cantautore, chitarrista veronese e "cantattore" dal gusto retrò.
Timidamente ispirato alla più sottile vena artistica “cantattoriale”, all’opposto del banale, tra swing e canzone popolare, un accenno di jazz per arrivare alla bossanova, poi ancora storie, racconti ironico poetici sul filo del sogno e la realtà.

Tutto si trasforma e tutto ricrea i momenti più intensi dell’ “amarcord italiano”, a tratti sembra di vedere un Buscaglione che accende una sigaretta a Capossela, che distratto rovescia il bitter di Modugno!!
...tanto che...“A farci preferir basta un assaggio”!!

 

L’artista, fin da bambino, ha la passione per la musica. A otto anni inizia a suonare la chitarra e a sedici anni compone il suo primo brano d’amore. Prosegue lo studio prettamente da autodidatta tra percussioni e batteria, formando poi il gruppo Reggadelica nel 1999 e collaborando con Pitura Freska. Dopo un intenso lavoro di composizione e arrangiamenti, ha inizio nel marzo 2001 l’incisione del primo album:“ Reggadelica”.
Di Sanketti va ricordata la lunga attività solista, ma anche le partecipazioni agli Unavez dal 2006. Ad oggi collabora con Megahertz (Morgan), Sam Lorenzini (chitarrista d’eccellenza) e Davide Veronese (trombettista di classe).