TERRAMADRE

I TERRAMADRE sono Dimitri Costa (voce), Tommaso Galvani (tastiere) e Paolo Signifredi (basso).

Progetto musicale dedito ad un Rock Alternativo Italiano che affonda le proprie radici in terra emiliana e vanta collaborazioni con artisti a livello nazionale e internazionale come Roberto Gualdi (PFM, Vecchioni, Lucio Dalla, ...), Luca Colombo (Ramazzotti, Loredana Bertè, Nek), Niccolò Bossini (Ligabue), Alberto "Paddo" Paderni (I RIO, Morandi, Mietta), Fabio Ferraboschi (I RIO, Cristiano De André), Emiliano Vernizzi (Ligabue, Enrico Ruggeri, Gianluca Grignani, Mario Biondi, ...), Giordano Gambogi (Ladri di biciclette, Notre-Dame de Paris di Cocciante, Nomadi, Mario Biondi, …), Erik Montanari (Nada, Caravane de Ville, Massimo Zamboni, Graziano Romani, ...), Giovanni Marani (Ligabue), Lucio Boiardi Serri (Mietta, fonico studio di Ligabue, Vasco Rossi), Nicola Denti (Custodie Cautelari, Dik Dik), Manolo Robuschi e molti altri.

Nel 2016 presentano il progetto “Italia RE-Rock” presso il Campus Industry Music di Parma con Erik Montanari, Giordano Gambogi, Lucio Boiardi Serri e Nicola Spadacini e sono stati ospiti a Radio Bruno per la rubrica MEI Web Radio a cura di Patrizia Santini. Organizzatori dell’evento del progetto “Inside Jazz Quartet” al Teatro Aurora di Traversetolo (PR).

I TERRAMADRE hanno presenziato come ospiti alle Finali Regionali Emilia-Romagna di Rock Targato Italia, al WOPA Temporary di Parma e nell’estate del 2016 la band si è impegnata nella realizzazione di brani inediti con la collaborazione di Autori del panorama nazionale come Vincenza Casati, Niccolò Bossini, Fabio Ferraboschi, Luca Lastilla e Vittorio Uboldi.

Nel 2017 pubblicano 3 singoli inediti: "Che Cosa Rimane", "Un Momento" e "Nadia non si diverte più" su tutte le piattaforme digitali e digital store e ottengono un ottimo riscontro anche nel circuito radiofonico italiano, posizionandosi tra i primi 100 brani su diverse classifiche nazionali come quella del MEI. 


I brani sono stati registrati con l’aiuto di maestri d’eccezione come Maurizio Zappatini in alcuni dei migliori studi italiani, tra cui il Metropolis Studio Milano di Lucio Fabbri, il Bluebeet Studio di Lucio Boiardi Serri e Alberto Paderni a Reggio Emilia e il Sonoria Recording Plant di Andrea Benassai a Prato.